Recinto come barriera fisica, naturale, come le montagne, i fiumi o gli steccati. Ma anche come barriera convenzionale, come una frontiera. Frontiere che sono lentamente sparite, superate dalla politica e dagli scambi economici. Da tante frontiere, ad un'unica frontiera, da tanti recinti ad un unico recinto, internazionale, che avvolge la nostra contemporaneità

I prodotti “halal”

(fonte: articolo di Carlo Panella su Espansione), a cura di Roberto Di Ferdinando

Con la parola araba halal si indicano i prodotti del settore alimentare, cosmetico e farmaceutico che possono essere acquistati dai musulmani in quanto per la loro produzione è garantito il rispetto dei dettami del Corano. I prodotti “halal” riguardano un mercato mondiale dal valore di 500 miliardi di euro annuali (54 in Europa e 5 in Italia). Il fenomeno commerciale è talmente importante che recentemente in Italia è nata un’organizzazione di professionisti (Halal Italia) che, in collaborazione con la Comunità Religiosa Islamica Italiana (Co.re.is.), verifica questa conformità e rilascia una certificazione che vale tre anni. Quindi tutti i prodotti per essere certificati halal non devono contenere carne di maiale; non solo, gli animali devono essere macellati secondo un particolare procedimento: sgozzati con una lama affilatissima che è usata esclusivamente per il rituale della macellazione, il gesto deve essere unico e continuo, senza interruzioni, colui che lo compie deve essere musulmano ed al momento di questo atto deve pronunciare in arabo il basmalah, cioè le seguenti parole: “in nome di Dio, Clemente, Misericordioso”, e rivolgere il capo dell’animale verso la Mecca.
Inoltre tutti i prodotti per avere tale certificazione non devono contenere alcool o derivati o composti chimici dell’alcool, ne grassi derivati da carne impura. Ovviamente i prodotti, prima di essere halal, devono essere conformi alle normative europee e italiane in tema di igiene e sicurezza alimentare.
L’Iniziativa Halal Italia ha ottenuto il sostegno da parte dei ministeri della Salute, degli esteri, dello Sviluppo economico e dell’Agricoltura, e i ministri di questi dicasteri nel 2010, presenziarono alla presentazione ufficiale di Halal Italia che si svolse nelle sale della Farnesina.
RDF

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

*