Recinto come barriera fisica, naturale, come le montagne, i fiumi o gli steccati. Ma anche come barriera convenzionale, come una frontiera. Frontiere che sono lentamente sparite, superate dalla politica e dagli scambi economici. Da tante frontiere, ad un'unica frontiera, da tanti recinti ad un unico recinto, internazionale, che avvolge la nostra contemporaneità

Corno ‘Africa: un continente alla … deriva. La Dankalia etiopica potrebbe essere invasa dal Mar Rosso nel giro di pochi anni. A cura di Francesco Della Lunga

Si potrebbe pensare subito alle periodiche guerre che sono in corso in questo spicchio d’Africa Orientale di cui spesso abbiamo parlato. In realtà questa volta cambiamo totalmente scenario. La notizia è apparsa pochi giorni fa sul quotidiano online “MeteoWeb” e firmata da Daniele Infemi (se volete vedere alcune foto è possibile cliccare sul link http://www.meteoweb.eu/2012/05/continua-ad-allargarsi-lenorme-spaccatura-che-dal-2005-si-e-aperta-sulla-depressione-etiope-di-afar-preludio-per-la-formazione-di-un-nuovo-mare/136429/) ed è sembrata abbastanza clamorosa: il Corno d’Africa si starebbe staccando dal resto del continente africano verso l’Oceano Indiano e non alla velocità che contraddistinguono le ere geologiche: in pochi decenni questo movimento, evidenziatosi in maniera netta la prima volta nel 2005, potrebbe portare all’ingresso del Mar Rosso nella depressione dankala. La situazione sembra resa possibile da recenti spostamenti monitorati quotidianamente da geologi accorsi da mezzo mondo. E se questo accadesse, uno degli ultimi luoghi più selvaggi, misteriosi ed incredibilmente affascinanti della Terra potrebbe scomparire nel volgere di un batter d’occhio. E’ noto che l’area interessata a questi movimenti tettonici fa parte del Gran Rift, ovvero di quella grande cicatrice che parte da Israele, sul Mar Morto, percorre una buona metà del Mar Rosso, entra nella regione del Corno d’Africa in Eritrea, abbracciando il territorio della Dankalia e prosegue a sud interessando tutta l’Etiopia, il Kenia, le regioni dei Grandi Laghi, fino ad arrivare sull’Oceano Indiano in Mozambico. E’ però vero che una frattura sulla crosta terrestre di queste dimensioni nel giro di pochi anni è davvero impressionante. La fenditura che parte dunque dalla depressione Dankala, a nord, al confine con l’Eritrea, è lunga circa sessanta chilometri. Dal 2005 ad oggi la frattura ha continuato ad allargarsi e molti studiosi pensano che presto potrebbe crearsi addirittura un nuovo braccio di mare fra l’Eritrea e l’Etiopia. Un viaggiatore che ha visitato la regione recentemente ha riferito che il braccio di mare potrebbe anche essere costruito artificialmente senza grandi sforzi perché la distanza della frattura dalla costa del Mar Rosso disterebbe circa 33 chilometri ed il dislivello sarebbe di circa 40 metri, sufficienti a generare un mare anche abbastanza profondo. D’altra parte, secondo alcuni studiosi, il sale che caratterizza vaste zone del deserto dancalo e che forma alcune delle aree più caratteristiche ed affascinanti, dimostrerebbe che molti secoli addietro il mare avrebbe già invaso la depressione. Nulla di nuovo quindi. Gli italiani che arrivarono per primi in Eritrea e la colonizzarono, all’inizio del secolo scorso, avevano già pensato ad un progetto faraonico, per i tempi, caratterizzato dall’ingresso del Mar Rosso nella depressione dankala con l’obiettivo di rendere più salutari queste aree, e con l’intento di modificare il clima rendendolo più umido, per favorire le coltivazioni. Il tutto parrebbe possibile, stavolta senza l’aiuto dell’uomo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

*