Recinto come barriera fisica, naturale, come le montagne, i fiumi o gli steccati. Ma anche come barriera convenzionale, come una frontiera. Frontiere che sono lentamente sparite, superate dalla politica e dagli scambi economici. Da tante frontiere, ad un'unica frontiera, da tanti recinti ad un unico recinto, internazionale, che avvolge la nostra contemporaneità

L’Australia dichiara guerra alle sigarette

(fonte: Sette-Corriere della Sera), a cura di Roberto Di Ferdinando

Nell’agosto scorso l’Alta Corte australiana ha stabilito che le case produttrici di sigarette dal 1° dicembre 2012 non potranno più apporre il loro logo sui pacchetti di sigarette venduti in Australia e non potranno fare neanche pubblicità diretta o indiretta alle proprie sigarette. Quindi, le sigarette ed i sigari adesso sono vendute  in pacchetti anonimi, il nome del produttore, anche per renderlo riconoscibile all’acquirente, è scritto solo in caratteri piccoli e sotto un’immagine che ricorda gli effetti nocivi per salute del fumare: foto di malati terminali di tumore al polmone, bambini asmatici, bocche devastate dal cancro. Il 75% della parte anteriore del pacchetto ed il 90% di quella posteriore riportano i rischi per la salute per i fumatori.
RDF

(foto tratte da: http://www.lettera43.it e http://www.ilsole24ore.com )

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

*