Recinto come barriera fisica, naturale, come le montagne, i fiumi o gli steccati. Ma anche come barriera convenzionale, come una frontiera. Frontiere che sono lentamente sparite, superate dalla politica e dagli scambi economici. Da tante frontiere, ad un'unica frontiera, da tanti recinti ad un unico recinto, internazionale, che avvolge la nostra contemporaneità

Gli albini nel Continente Nero

(Testo di Roberto Di Ferdinando)

adimu (1)In Occidente non è molto conosciuta una realtà dura e difficile che alcune persone sono destinate a vivere in Africa. E’ la realtà di emarginazione e di sofferenze in cui vivono gli africani affetti da albinismo. Infatti, nel continente nero numerosi bambini che nascono con la pelle chiara (nascere con pelle ed occhi chiarissimi, capelli biondi o bianchi in mezzo a persone di pelle scurissima), per superstizione o ignoranza, sono abbandonati dai loro genitori (se non uccisi dai familiari appena nati) e spesso, lasciati a se stessi, muoiono in giovane età (la durata media di vita per un albino in Africa è di 30 anni). I bambini albini cadono vittime di amputazioni o mutilazioni, i loro organi sono ambiti nel terrificante mercato degli organi umani, o da alcuni stregoni locali che li ritengono fondamentali per la preparazione di pozioni magiche, od ancora come vittime sacrificali in rituali (gli albini sono sospettati di immortalità, i loro occhi così chiari permetterebbero loro di esplorare l’eternità, di possedere poteri sovrannaturali o anche essere metà-uomini e metà-dei, per cui il loro sacrificio resta comune in tutta l’Africa nera). Oppure, ancora, la mancanza di adeguate creme solari protettive o di opportuni occhiali da vista o da sole causano atroci sofferenze. Chi sopravvive, specialmente nelle zone rurali, è escluso da una normale vita sociale ed è costretto a isolarsi, a emarginarsi, senza alcun accesso ad una assistenza od ad una regolare istruzione. La Tanzania è il paese africano con il più alto tasso di albinismo: una nascita su 1.400, contro l’1 su 20.000 a livello mondiale, mentre in Africa Orientale si contano almeno 10.000 albini, nonostante manchino statistiche ufficiali. Consiederando tutto il continente africano, solo il Sudafrica recentemente ha avviato un programma di assistenza per propri cittadini affetti da albinismo.
Per approfondimenti: http://www.helpafricanalbinos.com/

“Adimu – Ombra Bianca” di Cristiano Gentili – Ed. Ota Benga

RDF

One comment on “Gli albini nel Continente Nero

  1. Francesco scrive:

    Una questione di cui in generale si conosce molto poco. Bene, complimenti. Saluti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

*