Recinto come barriera fisica, naturale, come le montagne, i fiumi o gli steccati. Ma anche come barriera convenzionale, come una frontiera. Frontiere che sono lentamente sparite, superate dalla politica e dagli scambi economici. Da tante frontiere, ad un'unica frontiera, da tanti recinti ad un unico recinto, internazionale, che avvolge la nostra contemporaneità

Todos somos americanos

“Todos somos americanos”. Con queste parole, il presidente USA Barack Obama ha chiuso il discorso che ha riaperto le relazioni diplomatiche fra Stati Uniti d’America e Cuba. Dopo oltre cinquant’anni è caduto anche uno degli ultimi baluardi della guerra fredda ovvero l’embargo sancito dall’amministrazione americana nei confronti dell’isola caraibica all’indomani della crisi missilistica su Cuba. Obama ha ricordato di essere nato in quel periodo e che troppo tempo è passato senza che, fra l’altro, il principale strumento utilizzato da Washington producesse reali effetti, ovvero la caduta del regime castrista. L’embargo, ancora Obama, ha invece isolato per lungo tempo gli Stati Uniti dai propri alleati ed ha concesso una ribalta a Castro per perpetuare il suo regime. Non c’è nulla da fare, piaccia o no questo Presidente o questa presidenza è destinata a rimanere nella Storia del nuovo secolo e comunque nella Storia delle relazioni internazionali. E forse, a prescindere da tutto, a relegare questa amministrazione fra le più progressiste della Storia americana, almeno nella politica estera. Forse Obama ha fallito sui diritti inviolabili dei cittadini a giudicare dai ripetuti episodi di violenza a scapito della popolazione di colore americana. A leggere le cronache sembra proprio di essere ricaduti negli anni di Kennedy e di Martin Luther King, e forse non è un caso se è tornato alla ribalta, nell’agenda internazionale, la questione cubana, stavolta per essere risolta definitivamente. Castro ha intitolato una sua celebre biografia “La Storia mi assolverà”. Per Obama, si potrebbe intitolarla “La Storia lo giudicherà”.

Francesco Della Lunga

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

*