Recinto come barriera fisica, naturale, come le montagne, i fiumi o gli steccati. Ma anche come barriera convenzionale, come una frontiera. Frontiere che sono lentamente sparite, superate dalla politica e dagli scambi economici. Da tante frontiere, ad un'unica frontiera, da tanti recinti ad un unico recinto, internazionale, che avvolge la nostra contemporaneità

Vita e sogni nelle cose dei profughi

coraIl fotografo Davide Monteleone, vincitore di diversi World Press Photo, per qualche tempo s’è fermato a Lampedusa. Ha documentato naufragi e approdi. Tutti diversi, ma pure molto simili, l’ultimo che cancella irrimediabilmente il precedente. «Ho cercato allora immagini che rimanessero nel tempo», spiega, e ha a suo modo catalogato i «reperti» pazientemente raccolti negli anni dalliassociazione lampedusana Askavusa.

(fonte: Corriere della Sera)
Mediterraneo Migrazioni Militarizzazione Memoria Mare Madre

pratiche di memoria politica comunità
esposizione degli oggetti dei migranti

https://portommaremediterraneomigrazionimilitarizzazione.wordpress.com/
https://askavusa.wordpress.com/con-gli-oggetti/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

*