Recinto come barriera fisica, naturale, come le montagne, i fiumi o gli steccati. Ma anche come barriera convenzionale, come una frontiera. Frontiere che sono lentamente sparite, superate dalla politica e dagli scambi economici. Da tante frontiere, ad un'unica frontiera, da tanti recinti ad un unico recinto, internazionale, che avvolge la nostra contemporaneità

Curiosità e ritratti dei protagonisti del vertice Nato del 1991 descritti nel diario privato di Giovanni Spadolini

Il presidente degli Stati Uniti George Bush senior partecipa al vertice NATOIl 7 novembre 1991, a margine del vertice NATO che si svolge a Roma, l’allora Presidente delle Repubblica, Francesco Cossiga, ospita al Quirinale, per la tradizionale cena, i capi di Stato e di governo dei paesi membri. Giovanni Spadolini, presidente del Senato, vi partecipa e descrive, nel suo diario privato, alcuni momenti della cena oltre che alcuni suoi protagonisti. Il testo è in parte ripreso da un articolo a firma del prof. Cosimo Ceccuti, pubblicato recentemente sul Quotidiano Nazionale.

Il vertice vede il rilancio della Germania, guidata dal cancelliere Kohl, grazie anche alla sua riunificazione tra est ed ovest. La Francia, invece, è preoccupata per la ripresa tedesca e della Nato, e non a caso Spadolini osserva e descrive così il presidente francese Mitterand :<<spettrale, molto invecchiato ed estremamente bianco e diverso da come l’avevo lasciato a Parigi. Si vede che ha avuto il colpo dell’unificazione tedesca e di questo rilancio della Nato che va tutto contro il prestigio della Francia>>. Spadolini e Mitterand converseranno in quell’occasione revocando i loro incontri di studio del 1958 presso la biblioteca Marucelliana, quando Mitterand si recava a Firenze per studiare i Medici e Lorenzo il Magnifico, il suo personaggio storico preferito.
Spadolini poi descrive <<un altro vecchio amico, sempre festoso quando mi incontra>>: il premier spagnolo, il socialista Felipe Gonzalez, che il presidente del Senato aveva incontrato per la prima volta nella sede del partito repubblicano, subito dopo la fine del regime franchista. Nella cena di Roma, Spadolini e Gonzalez parlano di storia <<gli ricordo l’antisemitismo, l’antiebraismo del regime di Franco. Egli mi chiarisce che Franco non fu antisemita personalmente; anzi la famiglia di Franco (dato che io ignoravo) era di origine parzialmente semita. Durante la guerra nazista assicurò una certa protezione agli ebrei e si sforzò sempre di non partecipare alle battaglie del nazismo. Gli domando: ma la divisione Azul, così si chiamava, mandata in Russia da Franco per combattere i comunisti, non si macchiò di nefandezze nella lotta agli ebrei russi e comunque alle popolazioni sovietiche? Altra risposta patriottica di questo esponente socialista antifranchista: “No: la divisione Azul non si macchiò di nessun delitto” Ho molti dubbi che questo sia vero. Ma è molto importante che il capo del governo spagnolo, erede di una tradizione che vede quarant’anni di oscurantismo reazionario e fascista in Spagna parli con tale rispetto del passato del suo Paese>>.
A tavola Spadolini siede alla destra dell’allora presidente USA, George Bush ed alla sinistra del presidente Cossiga. Bush chiede a Spadolini notizie storiche su Mussolini, dimostrando una scarsa conoscenza del periodo storico tra i più importanti per gli stessi Stati Uniti. Bush chiede: <<”Mussolini quando è morto?” “E’ morto nel 1945, il 28 aprile”. “Ha fatto in tempo Hitler ad essere informato della sua morte nel bunker, perché Hitler morì giorni dopo”. “Si ritiene, anche se non abbiamo le prove, che l’uccisione di Mussolini sia stata portata a conoscenza del Fuhrer” “Senta mi dica una cosa – mi chiede il presidente degli Stati Uniti – ma è morto a Roma?” “No, Roma era stata liberata dagli alleati. E’ morto a Milano alla fine di aprile, nel momento culminante della lotta di liberazione”. Altra domanda di Bush: “Ma lo sbarco di Anzio era già avvenuto e le forze americane dove erano?” “Le forze americane erano insieme alle forze volontarie italiane nell’alta Italia, stavano liberando la valle padana, erano giunte a Milano, da dove Mussolini scappò proprio perché era il capo di quella che allora si chiamava ‘repubblica sociale italiana’, ormai ridotta soltanto alle province padane” “Ah – commenta Bush – Mussolini scappò, e come fu ucciso?” “Fu ucciso dai partigiani italiani che erano le forze della liberazione. E’ vero che gli inglesi e gli americani volevano entrambi catturare e processare Mussolini come un criminale di guerra. E proprio per evitare questo obiettivo fu ucciso in territorio italiano sul lago di Garda”>>.
RDF

One comment on “Curiosità e ritratti dei protagonisti del vertice Nato del 1991 descritti nel diario privato di Giovanni Spadolini

  1. Trevor Francis scrive:

    Questo bellissimo articolo denota, ancora una volta, la clamorosa ignoranza del signor Bush. D’altra parte, il commensale italiano, Spadolini, era uno storico di grande livello. Diciamo allora che Spadolini impartì una piccola lezione di storia allo studente indisciplinato…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

*