Recinto come barriera fisica, naturale, come le montagne, i fiumi o gli steccati. Ma anche come barriera convenzionale, come una frontiera. Frontiere che sono lentamente sparite, superate dalla politica e dagli scambi economici. Da tante frontiere, ad un'unica frontiera, da tanti recinti ad un unico recinto, internazionale, che avvolge la nostra contemporaneità

Indonesia: Pancasila

Testo di Roberto Di Ferdinando

arti-lambangriI recenti attentati terroristici in Indonesia hanno fatto commentare agli analisti internazionali, che questi rappresentano un attacco ai principi fondanti del paese asiatico (con i suo oltre 200 milioni di abitanti è il paese musulmano più popoloso al mondo). Principi che prevedono la convivenza anche tra confessioni diverse, una convivenza impossibile da accettare per gli integralisti. Si tratta della Pancasila (dal sanscrito: panca= 5 sensi e sila= principi), i 5 principi introdotti nel dopoguerra da padre della patria Sukarno, riadattati poi dal suo successore, Suharto, e fatti propri, oggi, dal Partai Demokrat, il partito attualmente al governo.
Ecco i prinicipi principi ritenuti inseparabili e interdipendenti su cui si fonda il governo indonesiano:
1) Fede nell’unico e solo Dio (in indonesiano: Ketuhanan Yang Maha Esa).    Credere in Dio, per cui tutte le religioni sono trattate allo stesso modo e hanno la libertà religiosa.
2) Giustizia e civiltà umana (in indonesiano: Kemanusiaan Yang Adil dan Beradab).
3) Unità dell’Indonesia (in indonesiano: Persatuan Indonesia).
4) Democrazia guidata dalla saggezza interiore dell’unanimità derivata dalle delibere dei rappresentanti (in indonesiano: Kerakyatan Yang Dipimpin oleh Hikmat Kebijaksanaan, Dalam Permusyawaratan Perwakilan).
5) La giustizia sociale per tutto il popolo indonesiano (in indonesiano: Keadilan Sosial bagi seluruh Rakyat Indonesia).
Questi principi sono rappresentati nello stemma dell’Indonesia (dal 1950 ufficiale), il Garuda Pancasila (l’aquilla giavanese) che nello scudo li rappresenta simbolicamente.
RDF

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

*