Recinto come barriera fisica, naturale, come le montagne, i fiumi o gli steccati. Ma anche come barriera convenzionale, come una frontiera. Frontiere che sono lentamente sparite, superate dalla politica e dagli scambi economici. Da tante frontiere, ad un'unica frontiera, da tanti recinti ad un unico recinto, internazionale, che avvolge la nostra contemporaneità

Farnesina, la ‘fuga’ dei diplomatici

30658-la-farnesinaNell’articolo di Pietro Romano, pubblicato su Panorama del 27 aprile 2016, si denuncia l’esodo degli ambasciatori italiani dal Ministero degli Esteri verso altri settori della Pubblica Amministrazione o dell’alta imprenditoria privata. Questo sarebbe un ulteriore atto della polemica che da alcuni mesi si è creata tra il nostro corpo diplomatico ed il Governo. Infatti, le feluche denunciano il fatto che si stia attuando un’”occupazione” governativa della Farnesina: Elisabetta Belloni, molto vicina al sottosegretario di Renzi, Lotti, è stata nominata a guidare la macchina burocratica del Ministero, Armando Varricchio, ex consigliere di Renzi, è stato inviato all’ambasciata a Washington, mentre al politico, quindi non ad un diplomatico (nomina irrituale), Carlo Calenda, è stato affidata la delicata rappresentanza di Bruxelles. E così, i nostri diplomatici, ritenuti funzionari di alto e qualificato profilo, cedono alle lusinghe, anche remunerative, del mondo privato o di altri ambienti pubblici. Alcuni esempi: l’ambasciatore Michele Valensise, segretario generale del Ministero degli Esteri, è stato nominato vice presidente esecutivo del gruppo Astaldi, dove già siede un altro ex diplomatico, Luigi Cavalchini Garofoli. Francesco Paolo Fulci è presidente di Ferrero, Rinaldo Petrignani fino a pochi mesi fa era consulente di Boeing, Vincenzo Petrone è presidente di Fincantieri, Riccardo Sessa della Società per il Traforo del Monte Bianco, Giuseppe Scognamiglio ad Unicredit. Nel settore pubblico Giampiero Massolo è direttore del Dipartimento delle informazioni per la Sicurezza, Giovanni Castellaneta è presidente della Sace, banca per il credito all’esportazione, e Pier benedetto Francese è alla camera di Commercio di Vercelli.
Roberto Di Ferdinando

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

*